Il ritorno di Kakà? Ci vorrebbe l’avvocato Agnelli

Kakà torna di moda, del resto il campione del mondo nel 2002 col Brasile è stato un grande giocatore che nel Milan ha lasciato un impronta. Semmai dispiace che l’eventuale cessione dal Real Madrid per il ritorno in rossonero sia stata orchestrata da Mourinho e non dal Milan stesso. Pensasse ai fatti suoi il portoghese invece di intromettersi nei fatti di casa rossonera che già è piena di problemi.

Peraltro il nome Kakà a Milano rievoca vittorie bellissime: Champions, campionato, Mondiale per Club, Supercoppe. Da quando è emigrato in Spagna non si è più visto il giocatore ammirato al Meazza. In tre stagioni ha giocato 66 volte in campionato (su 114 partite) segnando 20 reti, una media discreta ma inferiore alle sue. E nei successi in Liga e nella Coppa del Re ha inciso poco.La gente si chiede se sia il caso di riprenderlo considerato il fatto che di ingaggio prenderebbe 5 milioni, che diventerebbero 10 di spesa per la società.

 A meno che non paghi il Real credo che Berlusconi potrebbe fare l’eco al defunto avvocato Agnelli. Quando nel 1986 la Juve stava per acquistare il libero Soldà dall’Atalanta non usò la consueta diplomazia nell’esprimere il suo pensiero: “Soldà? E’ meglio che se ne stia là”. Boniperti non lo ascoltò e lo acquistò, ma dopo una sola stagione giocata da riserva Soldà venne spedito al Verona. Forse a questo punto è meglio che anche Kakà se ne stia là.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...