Allegri e Mancini, non avete altro da fare?

Un paio di considerazioni su certi atteggiamenti dei nostri allenatori. A Milano con tutti i problemi che ha in questo periodo Massimiliano Allegri non trova di meglio che mettersi a bisticciare con Inzaghi davanti ai genitori degli allievi allenati da quest’ultimo. Che i due non si amassero lo sapevamoda tempo. L’anno scorso dopo l’ultima partita Inzaghi ringraziò tutti, ma proprio tutti, ignorando a bella posta l’allenatore, a suo dire la causa principale del ritiro (Inzaghi però avrebbe dovuto fare il conto delle presenze accumulate negli ultimi tre anni prima di parlare).  Non si capisce proprio, visti i rapporti, perché Allegri abbia fatto visita agli Allievi e ci si chiede quale esempio abbiano tratto gli stessi giovani di fronte alle rimostranze del loro allenatore nei confronti dell’ex tecnico. In parole povere se domenica prossima Pippo effettuasse una sostituzione non si meravigli se il giocatore sostituito lo mandasse a quel paese.

Sarebbe invece curioso sapere cosa pensa Gigi Riva dell’ultimatum lanciato da Roberto Mancini a Balotelli: “O smetti di fumare o non giochi più”. E’ vero che il Bomber consumava due pacchetti al giorno in piena attività, un po’ come avviene con l’handicap nel golf per rendere le partite più equilibrate (senza riuscirci perché vinceva lo stesso), ma davvero il Mancio con tutti i comportamenti di Balo, non aveva niente di meglio che chiedergli di evitare la cosa più innocente?

Annunci

5 Pensieri su &Idquo;Allegri e Mancini, non avete altro da fare?

  1. Credo che Allegri abbia i minuti contati….si dice che il Cavaliere abbia chiesto “aiuto” a Ringhio Gattuso ricevendo un secco no. I senatori o ex senatori del milan odiano Allegri e non hanno digerito che la società si sia schierata con lui.
    Dal canto suo Allegri, pur avendo una squadra da mezza classifica, ancora oggi non ha capito che materiale umano ha a disposizione. Un allenatore non deve solo vincere quando ha giocatori forti o decisivi, ma deve allenare qualsiasi tipo di giocatore insegnando lui movimenti e automatismi che permettono alla squadra di giocare al meglio. Allegri non lo ha mai fatto nemmeno ai tempi del cagliari quando ereditò un meccanismo rodato da Ballardini.

    • Tempo fa scrissi che Gattuso minando le fondamenta del Milan di Allegri, ma soprattutto di Allegri, puntava a prenderne il posto. Però ha sbagliato i tempi perchè contava di tornare dopo aver onorato il suo ultimo contratto di giocatore in Svizzera, probabilmente non pensava neanche lui che Max sarebbe andato in crisi così presto. Però nella sfuriata di Allegri con Inzaghi trovo anche un motivo positivo: significa che non è rassegnato. E se vince a Udine (come è possibile) poi si risistema perchè tre giorni dopo ha il Cagliari che ha preso 2 punti su 54 negli ultimi 18 confronti coi rossoneri.

  2. E’ un mondo di scontenti nonostante i tanti soldi che guadagnano. E’ chiaro che lo scontro Allegri-Inzaghi (sempre che ci sia stato davvero nei termini riportati) nasce da vecchi rancori che difficilmente saranno superati. Certo, Allegri ha un ben caratterino, ma Inzaghi capirà soltanto ora che fa l’allenatore che le decisioni di chi “comanda” il gruppo vanno rispettate. Per quanto riguarda l’ennesimo rimprovero di Mancini a Balotelli, un tecnico, soprattutto quando si rivolge ad un giovane che guadagna una barca di soldi e fa lo sbruffone, ha il dovere di farlo. Balotelli è recidivo in fatto di comportamenti …licenziosi, e l’ennesima sgridata potrebbe fargli bene. Potrebbe, perché …la testa è dura.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...