Nazionale: Candreva ha conquistato i tifosi laziali nonostante la fede giallorossa

Come può un giocatore rendere al meglio se per tutta la vita deve convivere con l’incubo della società di appartenenza che lo gira un anno a una squadra e l’anno successivo all’altra senza consentirgli mai di acquisire continuità? Antonio Candreva, che ha appena riconquistato la nazionale ricevendo gli elogi del Ct Prandelli, in tal senso potrebbe scrivere un trattato. Il centrocampista romano che per far carriera si trasferì a 16 anni a Terni, cominciò la sua odissea con l’Udinese, la società che ne detiene tuttora la comproprietà con la Lazio e che lo fece debuttare in A a 20 anni facendolo poi girare come una trottola. Regista, ala destra, mezzapunta… Candreva si è adatatto un po’ dappertutto, ma soprattutto a cambiare città. Da Udine a Livorno, quindi Torino (Juventus), Parma, Cesena e Roma (Lazio). Dove venne accolto al suo primo ingresso in campo da una marea di fischi per la sua dichiarata fede giallorossa. Ma il ragazzo è uno che ha fegato e nel giro di qualche mese ha imparato a farsi apprezzare dai tifosi biancocelesti. I suoi pregi? Ora che ha messo da parte le esuberanze giovanili e qualche atteggiamento non proprio simpatico, li fa emergere bene. Buona tecnica, vede la porta e per essere un centrocampista segna discretamente, l’estate scorsa sembrò interessare anche al Cagliari. Poi Cellino vide che non guadagnava esattamente due euro e lasciò perdere. Adesso, a 25 anni suonati, Candreva ha raggiunto il pieno della maturità e spera di ricavarsi un posto in azzurro. Che già conobbe ai tempi del Lippi 2. Ma solo di sfuggita.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...