Delneri al Genoa: in un derby gli fece gol dalla bandierina

“Delneri? Che devo dirvi, quando parla non si capisce niente”. Antonio Cassano quando vuole sa essere definitivo, e nel caso di Gigi Del Neri, suo allenatore per un breve periodo alla Roma e poi alla Sampdoria, con quella frase breve fece capire che non lo stimava granchè. Certo che è strano vedere oggi Gino Delneri (col cognome attaccato come risulta all’anagrafe) sulla panchina del Genoa. Perché lui alla Sampdoria ha lasciato più di un segno. Da calciatore segnò un gol decisivo dalla bandierina proprio in un derby con il Grifone. Da allenatore con la Doria ha ottenuto il punteggio più alto nei campionati a venti squadre e l’ha portata persino ai preliminari di Champions.

Nato ad Aquileia nel 1950 divenne calciatore professionista grazie al presidente Mazza della Spal che lo prelevò a 16 anni quando lavorava come magazziniere alla Marzotto di San Giorgio di Nogaro. La serie A l’ha giocata tre anni ai tempi del Foggia e uno con l’Udinese, per il resto tanta C (Spal, Vicenza, Siena) e B (Foggia, Udinese, Samp).

Da tecnico ha girato lo stivale facendo la gavetta vera in squadre minori e trovando il successo grazie al Chievo (che portò prima in A e poi in Europa). Quindi pochi mesi ben pagati al Porto con un esonero addirittura prima dell’inizio del torneo, una mezza stagione non brillante alla Roma, un altro fallimento al Palermo e addirittura la retrocessione al ritorno nel Chievo. L’importanza di frequentare certi carrozzoni del calcio non l’ha fatto sparire e lui è stato bravo a sfruttare la chance offertagli dall’Atalanta (nono posto in A) e poi quella della Samp, dove c’era Marotta che se lo è portato a Torino. La nuova delusione subita con i bianconeri e l’anno di sosta ce lo ripropongono adesso a Genoa. La sponda è opposta, chissà come la prenderanno i tifosi di entrambe le squadre.

Annunci

Un pensiero su &Idquo;Delneri al Genoa: in un derby gli fece gol dalla bandierina

  1. Ciò che ha detto Cassano è una valutazione personale che, naturalmente, non può offendere Delneri, Chi dovrebbe sentirsi offeso, per come è stato “trattato” dal suo presidente, è De Canio, esonerato dopo otto giornate, con nove punti all’attivo e posizione in classifica del Genoa tutt’altro che disprezzabile. De Canio è il quarto allenatore che “salta” nel campionato di serie A: il primo è stato Sannino ( per Gasperini) dopo tre giornate, poi Di Carlo (Corini) e Ficcadenti (Pulga-Lopez) dopo sei giornate. La serie potrebbe continuare domenica; a rischio, oltre al solito Allegri, ci sono Stroppa ( Pescara) e Pioli (Bologna). Poi, strada facendo, ci potrebbero essere ancora soluzioni diverse in quelle squadre che, dopo poche giornate, una novità l’hanno già sperimentata. Anche per questi motivi è facile, per un allenatore, sedersi sulla panchina della squadra di una medesima città fino a poco tempo fa “odiata” avversaria. Un’ultima considerazione: ma non si era detto che, in tempi di difficoltà economiche per tutti, le Società sarebbero state amministrate con maggiore rigore ? Evidentemente si scherzava, tanto ci sono sempre i soldi delle Tv, e magari anche degli Enti pubblici. E poi, certi presidenti, si lamentano per il calendario spezzatino, e chiedono perfino che sia lo Stato a costruire gli stadi di calcio ! Semplicemente vergognoso. Gli unici a non lamentatrsi più di tanto sono gli allenatori: dopo l’esonero continueranno a percepire lo stipendio fino alla scadenza del contratto, e lasciano libero il posto ad un collega, che, magari, a sua volta si metterà in disparte per un altro clollega. Avanti, c’è posto !

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...