Sau in nazionale? Ce lo vedo da tempo. Ora lo dice Piero Braglia, il suo ex maestro

Piero Braglia è un allenatore scomodo. La sua Juventus Stabia in B gioca un calcio piacevole già dall’anno scorso, così come le squadre da lui dirette in carriera che, per un destino niente affatto benevolo, non si sono mai presentate nei piani alti del calcio italiano. Colpa di un carattere indipendente e di quella linguaccia toscana che dice pane al pane e vino al vino, finendo per essere un ostacolo per fare carriera ad onta di un valore che pure tutti gli riconoscono.

Braglia, nato nel 1955 a Grosseto, ha avuto anche una discreta carriera da centrocampista. Arrivò nelle giovanili della Fiorentina dopo aver giocato giovanissimo nel Follonica e in quella Primavera pigliatutto, aveva come compagni di squadra Mattolini, Tendi e Menichini di due anni più grandi, nonché Caso, Rastelli, Rosi e Roggi, tutti del 1954, oltre al centravanti Desolati, il più piccolo insieme a lui, figlio di un minatore emigrato in Belgio, a Genk, dove nacque. C’era anche Antognoni per la verità, ma Liedholm in Primavera lo lasciava solo per le finali del Viareggio e del campionato. Braglia rimase un paio di anni in prima squadra schierato da Mazzone che ritrovò in seguito a Catanzaro. In Calabria  diede il meglio di sé mettendo insieme 140 partite nella massima divisione senza mai la gioia di un gol.

L’anno scorso è stato l’allenatore di Marco Sau a Castellamare di Stabia, e nonostante il giocatore sardo fosse arrivato a stagione abbondantemente iniziata per le note diatribe tra Cagliari e Foggia, e non avesse che una minima esperienza in B (con l’Albinoleffe), l’allenatore non ci mise un attimo a dargli un posto da titolare, venendo ripagato con 21 reti a fine campionato.

Ieri, intervistato a proposito dell’exploit dell’attaccante di Tonara al Meazza, il suo ex allenatore al solito non ha temuto di sbilanciarsi. “Se lo lasciano giocare in pace da titolare segna almeno 15 gol perché negli ultimi metri fa la differenza come pochi ed è dotato di una tecnica purissima. Credo che possa tornare utile anche a Prandelli per la nazionale”. Che è poi quello che penso da tempo.

Annunci

7 Pensieri su &Idquo;Sau in nazionale? Ce lo vedo da tempo. Ora lo dice Piero Braglia, il suo ex maestro

  1. chissà quante reti dovrebbe segnare per essere convocato…..non mi sembra lo stereotipo di attaccante che prediligono gli ottusi tecnici di elite. lo stesso cellino ha poco di cui vantarsi….se lo è ritrovato già pronto su un piatto d’argento, altro che scopritore…

  2. E bravo Braglia ! Soltanto Ficcadenti non vedeva Sau a favore di Larrivey ( ora scomparso) e mal gliene colse. Non è da escludere, tuttavia, che un giorno Ficcadenti ci faccia sapere il perché non faceva giocare Sau , e, se esiste, chi non voleva che il sardo di Tonara venisse scelto a sfavore dello straniero. Scomparso Larrivey, ecco Lopez e Pulga gettare Sau nella mischia. E finora i fatti ha dato loro ragione. Non è escluso che, in prospettiva ( pure breve), abbia ragione anche Braglia. In fondo, se si trata di prestanza fisica, non credo che Giovinco ( certamente bravo) sia un corazziere: In confronto, Sau è un granatiere di Sardegna.

  3. Fatto sta che, tra infortuni ed attese, Sau, con Ficcadenti, ha giocato poco. Ed ha perso del tempo prezioso per un giovane che non conosceva la serie A. Per quanto riguarda il merito di avere scoperto Sau, beh , certa gente, prima di parlare, dovrebbe recitare il mea culpa per i tanti potenziali Sau che ha mandato in giro per l’Italia. Magari per fare spazio a altri Larrivey o Victorino d’altri tempi.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...