Il divorzio di Sneijder dall’Inter? E’ il replay di quello di Pirlo col Milan

Non considero Sneijder un campionissimo e non voglio paragonarlo a Pirlo che è una spanna superiore. Anche se quest’ultimo per diventare il giocatore invidiato in tutto il mondo ha dovuto trovare un allenatore di campagna (Mazzone) che da trequartista incompreso lo arretrò al ruolo di regista, ai tempi del Brescia, facendo la sua fortuna. Però trovo molto simile la vicenda che lega l’olandese al bresciano. In entrambi i casi a decidere sul loro destino è stato l’ingaggio elevato, e in entrambi i casi si è voluta far passare la scelta societaria come scelta tecnica degli allenatori.

Di Pirlo si disse che non fosse ben visto da Allegri e di Sneijder si dice altrettanto con Stramaccioni. La verità verrebbe a galla se gli allenatori ammettessero di essere principalmente uomini d’azienda e quindi esecutori del volere di chi paga loro lauti stipendi. Certo non farebbero la figura di un Rocco o di Helenio Herrera, per citare allenatori tutti d’un pezzo che le scelte magari le imponevano e non le subivano (anche se c’era una differenza: il Paron aveva la capacità di fare un minestrone saporitissimo anche con gli ortaggi che gli davano). Ma tutto sarebbe più semplice da capire.

Invece cosa succede: anche i tecnici tengono famiglia, però non vogliono mostrarsi in giro sminuiti della loro autorità decisionale, e quindi ingoiano il rospo e si prendono pure le colpe delle cessioni.

Si obietterà che Allegri quando poteva toglieva Pirlo dall’undici titolare, ed è verissimo. Ma a monte c’era la strategia societaria che in un certo senso gli imponeva quelle scelte. Del resto ricorderete l’anno  in cui Ancelotti appena ingaggiato dal Chelsea aveva richiesto il giocatore, non sto parlando di una vita fa. E Berlusconi dopo il NO dello stesso campione ai londinesi dichiarò senza mezzi termini (dopo una seduta di Montecitorio, coram populo), che Pirlo sarebbe costato al Milan sino alla scadenza del contratto 54 milioni di euro lordi e che un costo del genere era ormai insostenibile per la sua società. Quella dichiarazione del presidente del Milan fu l’inizio del divorzio che sarebbe avvenuto in seguito.

Ora la vicenda si è trasferita pari pari in casa dei cugini. All’Inter si è cercato di far passare la ormai sicura cessione di Sneijder come una scelta di Stramaccioni, e quest’ultimo naturalmente si è subito adeguato facendo terra bruciata all’olandese e utilizzandolo col contagocce, non solo per via degli infortuni. Solo in un secondo tempo è venuta fuori la dichiarazione di Branca dell’aut aut imposto al giocatore: o spalmi il contratto per più anni o vai via.

In tutto questo Barnum l’unico che ha il coraggio di dire le cose come stanno è sempre Cassano: nonostante Sneijder sia un suo possibile rivale per un posto in squadra, il barese ha dichiarato apertamente che “uno come Wes non lo cederei mai perché è troppo forte”. Fantantonio sarà matto e irrecuperabile, ma se non altro è genuino. E se ci fossero persone sincere come lui questo calcio sarebbe senz’altro più piacevole

Annunci

4 Pensieri su &Idquo;Il divorzio di Sneijder dall’Inter? E’ il replay di quello di Pirlo col Milan

  1. Sono due Società, l’Inter e il Milan, che stanno raccogliendo quanto hanno seminato in fatto di ingaggi. Cifre statosferiche promesse ai calciatori per strapparli ai club di appartenenza, che certi stipendi ( chiamiamoli così per intenderci) non potevano garantirli. Il primo a denunciare la strategia suicida e alla lunga insostenibile di certe Società fu il presidente dell’Ascoli, Costantino Rozzi, che però rimase inascoltato. I fatti gli hanno dato ragione. Purtroppo per tutti è troppo tardi.

  2. Io mi domando: ci sono giochi contabili praticabili con i giocatori che spingano le societa’ agli aquisti costo zero (a fine contratto) ma accompagnati da ingaggi faraonici? Giustamente Nanni nota l’ipocrisia nei due casi da lui citati, e Carmine la follia dell’orientamento di fondo, ma c’e’ di peggio. Faccio un esempio sul Milan solo perche’ e’ la squadra che seguo di piu’: che senso ha prendere Flamini (soffiato all’Arsenal a costo 0) a 16-20 milioni per 4-5 anni d’ingaggio (questo e’ un brocco pauroso!)?Con quei soldi non sarebbe meglio comprare 2 (o 4) buoni giocatori (+ ingaggio ragionevole), anche solo di prospettiva?
    Su queste problematiche segnalo a tutti l’intervista con Mircea Lucescu, vecchio marpione pieno di senso pratico, riportata oggi su http://www.calciomercato.com. Tra 8 gg il suo Schaktar gioca con la Juve e -come sempre quest’anno- vale la pena di vederlo.

    • Il primo quesito (parametri zero ma ingaggi assurdi) me lo pongo anch’io da anni e non ho ancora trovato una risposta. Su Lucescu invece ho una teoria: tanto bravo quanto abile commerciante (in tutti i sensi). Vorrei sapere per esempio di quei 30 miliardi dati dallo Shaktar al Brescia per Matuzalem (!) quanti ne sono finiti nelle casse societarie delle rondinelle. E poi appunto perchè bravo e alla guida di buone squadre, mi domando come mai quando affronta le italiane (eccezione fatta per la Roma che un paio di anni fa le prese e venne eliminata) che hanno bisogno di punti glieli concede quasi sempre. Sarà anche lì per l’anima del commerciante? Con la Juve ha già aperto le danze…

  3. Il problema mercato-ingaggi è un problema che è nato ( almeno in Italia) con l’avvento del Cavaliere alla guida del Milan. In quel periodo d’oro si spendeva riempendo le tasche dei giocatori ( e non solo ) in maniera smisurata ( Mannari e Lentini su tutti).
    Oggi siamo diventati i “poveri” d’europa ma questo non lo vedo come un problema. L’Arsenal, l’Ajax, l’udinese e il Barcellona su tutti, dimostrano che programmando come si deve e lavorando sui giovani si può vincere.
    Sneijder è un ottimo giocatore ma vendiamolo tranquillamente in inghilterra o in francia al PSG……Nessuno verserà una lacrima nel vederlo partire.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...