Questo Napoli va meglio di quello del primo scudetto e ha gli stessi punti del secondo: Mazzarri nasconda le sue paure ed esca allo scoperto

Si può discutere sulla scelta di escludere Vargas dall’inizio, una bocciatura definitiva se si pensa che mancavano le due punte titolari Cavani e Pandev. Si può osservare che con l’ingresso del cileno la squadra ha avuto un assetto più plausibile del quale ha beneficiato proprio Hamsik, che in precedenza da seconda punta non l’ha strusciata mai e che poi come per incanto è diventato persino il match winner.

Il Napoli non m’incanta perché riflette insieme ai pregi (evidentemente enormi) anche le paure ataviche del suo tecnico, però non si può far finta di niente. Se dopo 14 turni ha conquistato appena due punti in meno della super Juventus, vuol dire che ha tutti i diritti per battersi per lo scudetto. A dispetto dei suoi stessi dubbi. Tra l’altro, è solo un dato statistico ma veramente singolare, se si guarda al rendimento della squadra nelle partite in cui ha dovuto fare a meno del suo faro Cavani in questi anni, è paradossalmente ancora più alto di quando il centravanti scende in campo. Questo per confutare la storiella del Napoli che vive solo sugli undici titolari  coltivata da Mazzarri, che trova evidentemente più facile governare un gruppo di 13 titolarissimi e tante riserve piuttosto che gestire 18 giocatori sullo stesso piano o quasi. Prova ne sia che Aronica, ormai impresentabile a certi livelli, è stato schierato fino a che non è diventato imbarazzante, e che il novizio Insigne venga ancora considerato come un semplice giovincello di belle speranze.

Facendo un raffronto con il Napoli di Maradona che vinse i due scudetti dell’87 e del 90’ (adeguando le classifiche di allora con i tre punti per vittoria) si scopre che pur senza Diego oggi i partenopei hanno 3 punti in più sul ruolino di marcia della squadra di Bianchi che vinse il primo campionato sotto il Vesuvio. E viaggia sulla stessa lunghezza d’onda di quella che si confermò tre anni dopo con allenatore Bigon. Credo sia soprattutto per questo che Mazzarri debba gettare la maschera e dire apertamente: “Abbiamo i mezzi per vincere. Proviamoci”

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...