Salta la sfida Sau-Immobile: quella coppia sarebbe una bella opzione per Prandelli

La sfida Cagliari-Genoa non raccoglie solo importanti motivi di classifica relativi alla zona che scotta della serie A, purtroppo deve rinunciare a un duello fra due attaccanti di grosso valore, forse gli unici che meriterebbero le attenzioni del Ct della nazionale, Cesare Prandelli, fra quanti ancora non hanno trovato spazio in azzurro.

Parlo ovviamente di Marco Sau e Ciro Immobile (quest’ultimo squalificato per l’occasione), goleador di grossissimo spessore che l’anno scorso in serie B incantarono i tifosi di Juve Stabia e Pescara segnando rispettivamente 21 e 28 reti.

Cambiando casacca non hanno avvertito problemi di ambientamento, anche se non hanno trovato la strada in discesa. Sau ha dovuto superare i soliti pregiudizi dei calciatori che vengono poco considerati nelle società in cui sono cresciuti. Prova ne sia che nonostante le ripetute prove di bravura e l’ottima media di un gol ogni 156’, abbia giocato appena 2 volte dal primo all’ultimo minuto.

Per Immobile invece il problema è un altro e riguarda la strategia assunta dal suo agente che da un lato gli consente di incrementare i guadagni ad ogni cambio di maglia, dall’altro gli nega quella continuità nello stesso ambiente che sta alla base per l’esplosione di ogni calciatore e in particolare degli attaccanti.

Al momento Sau è stato più bravo perchè ha segnato 6 gol contro i 5 del sorrentino e soprattutto perché li ha realizzati in appena 906’ di gioco contro i 1462’ in cui è sceso in campo l’avversario. Come detto Sau ha giocato solo 2 volte dall’inizio alla fine, mentre Immobile ben 12.

Vediamo come finirà la sfida tra Cagliari e Genoa con i rossoblù di casa favoriti proprio dalla mancanza del bomber ospite (ma anche Borriello è in gran forma e in panchina c’è Floro Flores tornato dopo l’esperienza in Spagna) , ma è certo che si tratta di due bomber veri, che a mio avviso un domani neanche troppo lontano si potrebbero integrare benissimo anche insieme. Magari proprio in azzurro, perché no?

Annunci

Un pensiero su &Idquo;Salta la sfida Sau-Immobile: quella coppia sarebbe una bella opzione per Prandelli

  1. Si tratta indubbiamente di due bravissimi giocatori che hanno bisogno di giocare in squadre i cui allenatori vogliano seriamente valorizzarli e sappiano sfruttare le loro caratteristiche. A uno come Sau, ad esempio, nessuno potrà mai chiedere di “rientrare” per aiutare i difensori: equivarrebbe ridurre di almeno il 60% le sue potenzialità offensive. Ed ha pure bisogno, Sau, di un compagno capace di comprendere i suoi movimenti legati, sempre, all’evolversi dell’azione d’attacco dei compagni e alla disposizione difensiva degli avversari. Insomma, è uno che sa trovarsi al posto giusto al momento giusto. Uno dei pochissimi, forse unico, che possa capirlo fino in fondo e “servirlo” con intelligenza, è Andrea Cossu. E’ un peccato che proprio contro il Genoa, partita che il Cagliari deve assolutamente vincere, Cossu sia assente. Ma c’è tutto il tempo per sperimentare a lungo la coppia tutta sarda. Sempre che a Cossu venga concesso di giocare secondo le proprie caratteristiche e, sopratutto, non lo si tenga in panchina senza un vero perché.
    Per quanto riguarda Immobile non so se potrà ripetere la stagione vissuta nel Pescara. Infine, ritengo prematuro parlare di nazionale, ma Prandelli non dovrebbe escludere a priori una prova anche per queste due novità del nostro campionato.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...