Perchè tanto rumore sulla scelta della sede di Cagliari-Milan se sappiamo in partenza come andrà a finire?

Mi viene da sorridere nel pensare a quanto rumore viene fatto per l’incertezza che regna sulla disputa di Cagliari-Milan a Is Arenas. Seguo distrattamente e con un certo fastidio le vicende dello stadio quartese, una scelta che giudico sbagliata in partenza, le cui conseguenze nefaste sono sotto gli occhi di tutti. Ma sono ancora più meravigliato nel constatare con quanto ardore si stia battendo la società rossoblù per una partita che ha un esito scontato, almeno da quando il Cagliari è tornato in A nel 2004-05.

Mi sembra di capire che le ipotesi al vaglio sono quattro, almeno in teoria: 1) capienza completa (che garantirebbe un grosso incasso…); 2) settore ospiti chiuso, che al Cagliari andrebbe ancora bene; 3) porte chiuse; 4) altra sede. Quest’ultima possibilità stando a quel che ha detto il presidente Cellino significherebbe lo 0-3 a tavolino visto che il Cagliari non accetterebbe di andare a giocare da un’altra parte.

Il Milan dal canto suo si è detto favorevole alla disputa a Is Arenas e non c’è da meravigliarsi. Da sempre i rapporti tra Galliani e Cellino sono idilliaci. Così idilliaci che il Cagliari non si è mai permesso di fare uno sgarbo ai rossoneri spianando loro la strada negli ultimi 17 confronti diretti (quelli appunto dal 2004-2005 ad oggi). Pensate che in questo lungo tempo i rossoblù non solo non hanno mai vinto contro i rossoneri, ma hanno conquistato appena 2 punti sui 51 in palio. E allora qual è il problema visto che sappiamo in partenza come andrà a finire?

Annunci

7 Pensieri su &Idquo;Perchè tanto rumore sulla scelta della sede di Cagliari-Milan se sappiamo in partenza come andrà a finire?

  1. Non so come andrà a finire il prosimo confronto col Milan, ma una cosetta sullo stadio la voglio dire. Intanto preciso che sarei felicissimo se il Cagliari, dopo tanti insuccessi, sconfiggesse il Milan,magari con un’autorete all’ultimissimo secondo. In fondo, il presidente della società rossonera ha detto chiaro e tondo che il successo sul Chievo all’ultimo decimo di secondo, su rigore ( peraltro inesistente) , lo ha riempito di gioia. Se battessimo il Milam al centesimo minuito, andrei al poetto a tuffarmi nelle acque gelite.
    Ciò detto, mi domando perchè tanta cagnara sullo stadio di Is Arenas.. Se Commissione di vigilanza, Prefetto, Questore e compagnia cantando hanno torto, devono rimediare immediatamente e far si che la Lega indichi Is Arenas per la disputra della partita Cagliari – Milan. Se non concedessero il nulla osta perché qualcosa è carente, allora potrebbe intervenire il Sindaco ed autorizzare – comunque – la disputa della partita, magari con qualche limitazione (niente ingresso ai sostenitori della squadra avversaria). Se tutto ciò non avvenisse, allora, tutti, giornali compresi, dovrebbero domandarsi il perché. Le risposte non sarebbero poche, ma ine indichiamo due fondamentali: 1) perché le regole vanno rispettate; 2) perchè i lavori – secondo le indicazioni – andavano eseguiti: Ciò non avvenuto ? Oppure è avvento e nessuno ha controllato ? Mel primo caso responsabile sarebbe la società; nel secondo, andrebbero denuinciati chi non ha svolto il proprio lavoro fino in fondo. Comunque, forza Cagliar.

  2. Non commento la vicenda dello stadio (perchè mi fa imbufalire: Cellino ha fatto una grande corbelleria fin dall’inizio portando la squadra alla Tuna Arena).
    Per la sede della partita ovviamente si cerca di salvaguardare solo l’incasso. Per il resta essendo scontato il risultato (mi dispiace per Ilio) resta da stabilire quanti gol “deve” fare Balotelli e se saranno necessari aiutini

  3. Si continua a parlare di Is Arenas soltanto perché l’arroganza di Cellino non conosce i limiti del buongusto. Al di là delle indagini della Procura della Repubblica circa la legittimità dei lavori all’interno del Parco di Molentargius, sulla quale si pronuncerà la magistratura, quell’impianto è nato male perché si è pensato di costruirlo al risparmio, sull’esistente. Poi, con due rattoppi, si credeva di aggirare gli ostacoli, con la compiacenza dei soliti amici, ma avevano fatto male i conti: perché stavolta hanno trovato un giovane pm che non si presta alle strizzatine d’occhio. Complimenti, presidente Cellino: la sua fuga dal Sant’Elia ha portato soltanto problemi, spese e seccature alla tifoseria. Quella che paga il biglietto per andare in uno stadio che, alla prima pioggia, ha imbarcato acqua come il Titanic mentre affondava. Che squallore!

  4. Rispetto il punta di vista ( e le speranze) di Walter, ma non è scontato che il Milan riesca a superare il Cagliari. A meno che le stastiche di Nanni non abbiano un fondamento… Ma, pur non essendo superstizioso, ritengo che non avere mai vinto negli ultimi 17 confronti diretti (sottolineo 17) non significa che al diciottesimo i rossoneri non debbano lasciarci le penne. Certo le assenze di Nainggolan e Avelar potrebbero favorire la squadra di Allegri, ma ben per questo una vittoria del Cagliari farebbe ancora più rumore; anzi, rumore due volte: per la vittoria in sè e per il superamento della…tradizione.

  5. Caro Ilio, effettivamente il mio post sembra scritto da un tifoso del Milan. Sono all’opposto un tifoso del Cagliari (ora Cellinese) e penso che quelle col Milan siano partite dal risultato già deciso. Felicissimo di pagarti un caffè se mi sbaglio

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...