Il top-player della Juve? Se Conte facesse giocare sempre Matri e Quagliarella ne avrebbe due

L’uno-due di Matri-Quagliarella nella gara di Champions con cui la Juventus ha regolato per 2-0 il Celtic ripropone un quesito la cui risposta credo di conoscere da tempo. Cosa farebbe la squadra bianconera, già primattrice assoluta dall’avvento di Conte se davassi avesse il famoso top-player? Ovvero il centravanti in grado di garantire 20 e passa gol all’anno?

Sono convinto che questo tipo di giocatore ci sia già, anzi che ce siano due. Non considero Matrei e Quagliarella due fuoriclasse, ma due ottimi gioctori sì. Il napoletano ha sempre avuto uno spiccato senso della rete impreziosito dalla sua proverbiale fucilata dalla grande distanza e soprattutto dalla mira di quest’ultima. Matri è invece maturato tantissimo. Prima era un attaccante di movimento senza una particolare predisposizione alla rete. Sembrava quasi che non sentisse il bisogno di segnare. Fu la famosa stagione nel Cagliari, quella in cui reggiunse il record di Riva di far centro per sette partite consecutive che lo trasformò.

Ci si chiederà allora perché i due non raggiungano quel bottino di reti. La risposta sta nel minutaggio che Conte regala loro. Scarsissimo. Basti pensare che Quagliarella ha segnato una rete ogni 94’ quest’anno per capire di cosa stiamo parlando. Cioè praticamente un gol a partita. E questo nonostante giochi a singhiozzo, una volta si e tre no. Conte è un bravissimo tecnico ma evidentemente non ha mai giocato da attaccante perché se lo avesse fatto capirebbe che per far rendere al meglio i suoi giocatori del reparto avanzato dovrebbe impiegarli esattamente al contrario di come fa lui. Il discorso vale in genere per tutti i ruoli, ma per le punte in particolare. E’ solo la continuità che ti permette di rendere al massimo, senza l’assillo di dover essere messo in discussione per ogni tiro che fai e che non finisce in fondo al sacco. Sapere dall’inizio di giocare una volta su tre e di dover uscire dopo un tempo o poco più è l’allenamento migliore per farsi venire l’esaurimento nervoso. Sarebbe bello se l’allenatore bianconero regalasse ai due calciatori l’opportunità di giocare dieci partite di seguito intere. Credo che del famoso top-player non si sentirebbe più la mancanza.

Annunci

2 Pensieri su &Idquo;Il top-player della Juve? Se Conte facesse giocare sempre Matri e Quagliarella ne avrebbe due

  1. Putroppo gli allenatori sono fatti così. Non avendo a disposiozione gente come Riva o Nordhal, giusto per fare due esempi, che la palla in rete la mandavano con assoluta regolarità, allora sono convinti che tenendo sulla corda gli attaccanti ottengano migliori risultati ( in questo caso parliamo di gente che dovrebbe segnare con maggiore frequenza rispetto ad altri ruoli). Ed invece la verità, o almeno buona parte della realtà, è quella che ha sottolineato Nanni. E’ come se venisse escluso il portiere al primo gol “stupido” incassato o un difensore per avere procurato un’autorete decisiva per la sconfitta. Nel primo caso ci sono esempi che vengono da lontano e nessun allenatore fu tanto stolto da escludere il loro numero uno ( memorabili le cavolare di Sarti e Zoff) , nel secondo ci vorrebbero molte pagine per elencare i responsabili ( e non mi riferisco soltanto al buon comunardo Niccolai).

  2. Sono d’accordo con te Nanni ! Considero matri soprattutto un vero bomber… Il Milan stava per fare un affare se l’avesse preso d’estate in chiusura mercato

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...