Ecco perché è uno scandalo vedere Sau in panchina: in rapporto ai minuti giocati ha una media gol superiore a tanti bomber valutati cifre stratosferiche

C’è una classifica dei cannonieri della serie A che considero la migliore risposta per quanti ritengano normale che l’attaccante del Cagliari Marco Sau possa accomodarsi spesso e volentieri in panchina e che a tutt’oggi, dopo che sono state giocate la bellezza di 33 partite, ne abbia potuto  contare appena 6 intere.

Prendendo in considerazione i quindici giocatori che hanno raggiunto la doppia cifra (cioè che hanno realizzato dai 10 gol in su), e la frequenza dei gol segnati in rapporto ai minuti giocati, Sau figura al 4° posto dietro Cavani, Pazzini e Di Natale nell’ordine. Ha realizzato finora 1 rete ogni 146’, ovvero ogni partita e mezzo. Cavani è primo con un gol ogni 113’, Pazzini lo segue di appena un minuto (114) e il Totò dell’Udinese è terzo con un gol ogni 127’.

Sau ha fatto meglio di giocatori che hanno quotazioni altissime come El Shaarawy, Palacio e La Mela (un gol ogni 161’ per il milanista e l’interista, e ogni 162’ per l’argentino della Roma), meglio anche del nazionale Osvaldo (ogni 164’ la sua frequenza realizzativa). Seguono Jovetic (un gol ogni 174’), Klose (177’) e quindi nell’ordine Amauri (182’), Denis (184’), Totti (199’), Bianchi (211’) e Gilardino (228’).

In questa classifica il giocatore del Cagliari precederebbe anche Balotelli (non incluso perché in questa stagione tra Manchester City e Milan Supermario ha segnato solo 8 gol in gare di campionato) che rimarrebbe attardato alla media di un gol ogni 160’.

Annunci

8 Pensieri su &Idquo;Ecco perché è uno scandalo vedere Sau in panchina: in rapporto ai minuti giocati ha una media gol superiore a tanti bomber valutati cifre stratosferiche

  1. Oltre che scandaloso è incomprensibile. Non è al meglio? Vuol vedere quanto vale Nenè? Pensano che il goal di Ribeiro stia cuocendo? A parte che con due tre goal in più Sau toglie gli occhi a Prandelli.

  2. Lasciare fuori Sau è un affronto al gioco del calcio, e le spiegazioni tattiche delle sue recenti esclusioni somigliano tanto a delle arrampicate sugli specchi.
    La stampa dovrebbe fare luce sulla vicenda, portandola all’attenzione dei tifosi e indagando.
    Ah già, dimenticavo. Siamo a Cagliari e tutto questo è impossibile.

  3. Sau è già un bel campione ed è sardo.
    Anche in questa occasione non siamo d’accordo con le decisioni della Cellinese spa. Ridateci il Cagliari e che questo possa giocare a Cagliari.
    Da sportivi per il suo bene calcistico speriamo che Sau lasci presto l’isola e che ci dia tante soddisfazioni giocando con altre squadre compresa la nazionale!

  4. Una statistica che dovrebbe costringere Lopez e Pulga a spiegare ai tifosi il perché di questa sorta di ostracismo nei confronti di Sau. Certe scelte, tra l’altro, diventano incomprensibili perché non si fa il bene del Cagliari. I tifosi, oltre che battersi, giustamente, perché i rossoblu giochino in Sardegna ( a Quartu per ora; domani , speriamo, al S. Elia) dovrebbero esprimere tutte le loro perplessità sulle continue e immotivate esclusioni del capocannoniere della squadra.

  5. Is Arenas, Cellino impedito, Sau spesso costretto a starsene seduto in panchina: vicende varie, sportive e non, di cui si discute. Intanto il Presidente della federcalcio, Abete, avverte il Cagliari : se non si ha uno stadio certo, nessuno iscrizione al campionato di competenza è possibile. Si faccia in fretta a decidere come comportarsi. E si riprenda a discutere con l’amministrazione quartese; ma soprattutto si faccia quanto chiedono per dare il via libero all’apertura di Is Arenas. In fondo , la convenzione prevede che il Cagliari, a Quartu, giochi tre anni.

  6. Sau in panchina…io sono tifoso del Milan ma quando vedo queste cose resto davvero incredulo e sdegnato.
    Ogni anno gli scandali colpiscono il nostro campionato, anzi, i nostri campionati di a, b, c, d, ecc…e PRATICAMENTE queste porcherie vengono reiterate negli anni perchè sostanzialmente non vengono punite: come a dire w l’italia.
    Allora un vero tifoso di calcio sa, anche mentre guarda una partita, che probabilmente è tutto organizzato, e allora il suo entusiasmo si smorza per forza di cose.
    Se per di più, quando arriva un bel talento, una bellissima sorpresa come Marco Sau, lo skiaffi in pankina privandoci anche del primordiale piacere che si prova alla vista di un trottolino del genere…non si possono inventare cazzate…kissà ke ci sta sotto sotto, quali interessi economici ci stanno dietro!!!
    Che schifo!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...