Pisellino non punge e l’Italia senza incantare vince

Bella Italia? Non esageriamo. La vittoria è però importante anche se ottenuta contro una squadra piena zeppa di problemi. Se poi la brillantezza ancora non si è vista può essere un dato positivo. Nel senso che per vincere queste manifestazioni non bisogna partire sparati.

Il nuovo modulo di Prandelli non mi ha incantato anche se Giaccherini, uno dei beneficiati, è stato tra i più attivi. Mi fa piacere che giocando in avanti la riserva juventina abbia mostrato di saper usare bene i due piedi (quando l’anno scorso fece il terzino agli Europei si attirò una marea di critiche per colpe non sue). Peraltro un paio di volte ha avuto la palla per segnare e non l’ha sfruttata. Ovvio visto che la sua media gol è quella che è.

Detto del magico Pirlo che ha siglato il tredicesimo gol azzurro nella partita numero 100, salvo in corner la prestazione di Super Mario che grazie ad un’azione caparbia ci ha regalato il successo. E passi se fino a quel momento non gli avrei dato la sufficienza.

Il Messico è parso davvero poca cosa. Chicharito Hernandez, il suo uomo di spicco che ha appena vinto la Premier con il Manchester Utd, ha fatto centro dal dischetto per gentile omaggio dell’inguardabile Barzagli (fallo su Dos Santos al culmine di una serata da dimenticare). Chicharito, sta per Pisellino (dal colore degli occhi del padre, dicono, noto Chicharo, cioè Pisello. Se poi i motivi fossero altri non  è dato sapere né ci interessa). Peraltro Hernandez porta anche il cognome dell madre, Balcazar, simile al celebre professor… segno che i cartoni animati in quella famiglia venivano seguiti con una certa frequenza.

Ma a parte la traversa in apertura di Guardado, il Messico nessuno l’ha sentido. E se è vero che schierava Torrado, in realtà non era mai andado. Tutti poi si sono chiesti perché il portiere Corona abbia tolto la mano sulla punizione vincente di Pirlo. Credo che l’ipotesi più probabile sia che volesse accelerare l’addio del tecnico, buttandolo giù… De la Torre. Vedere la sua squadra così disperata  ha fatto male al cuore di tutti gli amanti del calcio.

 

Annunci

4 Pensieri su &Idquo;Pisellino non punge e l’Italia senza incantare vince

  1. Ti ricordi anche del Prof. Baltazar, incredibile! 🙂
    Barzagli e Giaccherini giocano solo perchè sono di quella squadra che non mi piace nemmeno nominare. Mi è piaciuto invece De Sciglio, che non solo non avevo mai visto giocare, ma durante l’inno di Mameli quando ho visto questa faccia per me mi son fatto la fatidica domanda di chi pisellino fosse, per stare in tema. Seguo poco le grandi squadre, in effetti, ne sono allergico e le evito finchè posso.
    Il portiere secondo me ha tolto la mano perchè non sa tuffarsi sulla destra, e ha pensato a non fracassarsi a terra proteggendo subito la caduta con le braccia piuttosto che tentare di prendere quel pallone.

  2. Cominciamo dal gol di Pirlo: bellissimo per il modo in cui ha calciato il pallone ( notare sia il come ha colpito, sia la posizione del piede portante) e per l’angolo cercato. Il centrocampista della Juventus ci è sembrato in buona forma. Per quanto riguarda il braccio “sottrattto” è chiaro che si tratta di un limite del portiere messicano: incapacità di distendersi in volo ( ed infatti le altre cose – parate a terra ed uscite per le palle alte – le ha fatte abbastanza bene), paura di sbattere la mano contro il palo e troppo preoccupato della caduta ( ed infatti era già rannicchiato in volo). Il resto della squadra ( a parte l’inguardabile Barzagli) nel complesso si è bene comportato, anche se Balotelli continua ad essere quella dogana che ha fatto fuori El Shaarawy nel Milan e, nel piccolo, Sau dal giro azzurro.

  3. Diciamo pure che la difesa, in questo momento, è il reparto che preoccupa di più: perché concede sempre troppo a qualunque avversario, non solo alle grandi squadre. I limiti sono sin troppo evidenti, e non riguardano il solo Barzagli. Hanno stancato, invece, le reazioni isteriche di Balotelli: se reagisce in quel modo anche a normali falli (e non ad entrate assassine), significa che non riesce proprio a fare tesoro delle esperienze maturate in tante occasioni. E gli altri attaccanti azzurri devono starsene in panchina… Mah!

  4. Ha ragione Prandelli: ci siamo stuffati di vedere Balotelli che si toglie la maglia, non in segno di giubilo, ma soltanto per esibire il suo fisico. E vabbè , hai un bel fisico . E allora ?. A Cagliari ho conosciuto un giovane che aveva un fisico eccezionale, oltre ad una statura insolita per noi giovani di allora ( forse raggiungeva il metro e 90). Passeggiava nella via Roma esibendo il suo fisico “palestrato” ( una novità per quei tempi), e si guardava attorno per scoprire la reazione della gente. Non pochi lo guardavano con una certa meraviglia ( ma non mancavano i sorrisini di chi lo riteneva un “soggetto”), e lui fissava i suoi coetanei quasi per sottolineare la differenza fisica. Fino a quando, un giorno, gli capitò di dover fare a botte con una ragazzo normale, ma evidentemente più abile: quel giovane “palestrato” rimediò tante di quelle botte che nella via Roma non si fece più vedere.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...