Era dai tempi di Nuccio che non simpatizzavo per il Napoli. Con Higuain ci risiamo

Fare il tifo per il Napoli non è una cosa che mi abbia mai entusiasmato. E non già come le nuove generazioni (si fa per dire, anche quelle cominciano ad avere i loro anni) di supporters rossoblù, quelli per cui lo spareggio perso col Piacenza al San Paolo nel 1997 segnò lo spartiacque definitivo. Anzi, in quel caso capii l’atteggiamento dei tifosi di casa che inneggiarono dal primo all’ultimo minuto la squadra di Bortolo Mutti.

Colpa in quell’occasione di Cellino che accettò la sede partenopea già sapendo che il tecnico bergamasco l’anno successivo avrebbe allenato i campani.

La mia antipatia sportiva per la squadra del Ciuccio nasceva molti anni prima, nel 1969, l’anno in cui il Cagliari lasciò tutti i sogni dello scudetto alla Fiorentina dopo un secco 2-1 alla 28a giornata firmato Nielsen e Canè prima del gol nei minuti finali di Riva.

Che poi se vogliamo quello fu solo l’ultimo atto dello scudetto rinviato.  Il ko che ci tramortì dopo il titolo d’inverno e 14 giornate in vetta alla classifica ce lo aveva assestato diverse giornate prima una scelta pazzerella di Scopigno che affrontando la Juve all’Amsicora senza Riva non trovò di meglio che assegnare la maglia numero 11 al primo che l’avesse acchiappata, un po’ come nel gioco “bandierina”. E purtroppo la prese Tomasini che con l’11 non aveva davvero nulla a che fare e perdemmo in  casa 0-1.

Il Napoli poi sembrava avere un conto personale col Cagliari. Pensate che in serie A i rossoblù lo batterono per la prima volta (facendo anche il bis al ritorno) proprio l’anno dello scudetto, nel 69-70, dopo cinque anni di infruttuosi tentativi.

Insomma, per farmi diventare simpatica la squadra partenopea ci volle il gioco sbarazzino di un allenatore giovanissimo appena promosso dalla B dove aveva ben figurato prima col Brindisi e poi col Catanzaro. Gianni Di Marzio, papà di Gianluca, giornalista Sky esperto nelle vicende del calciomercato, fece esordire in A diversi giocatori sconosciuti centrando la qualificazione alla Coppa Uefa, ma divenne il mio idolo quando l’anno seguente nella gara di ritorno contro la terribile Dinamo Tiblisi (in quegli anni quando una formazione italiana affrontava una squadra dell’Urss era sempre un “avversario terribile”) fece scendere in campo un minuscolo attaccante, il 17enne palermitano Nuccio, che non aveva mai giocato neanche in A.

Inutile dire che al Napoli non riuscì la rimonta dopo il 2-0 subito all’andata (segnarono i fortissimi Kipiani e Scenghelija); che Nuccio a parte un gol memorabile contro l’Atletico Mineiro all’esordio nel  Palermo non fece più parlare di sé eccetto che nelle serie inferiori, e che Di Marzio venne esonerato poco dopo, sostituito da Luis Vinicio con cui più volte scambiò le panchine.

Perché vi ho raccontato tutto questo? Perché dopo Nuccio troverò un altro calciatore che mi farà tifare Napoli: Higuaìn. Vai Gonzalo, anche se sei stato pagato uno sproposito siamo tutti con te.

Annunci

Un pensiero su &Idquo;Era dai tempi di Nuccio che non simpatizzavo per il Napoli. Con Higuain ci risiamo

  1. In effetti, lo spareggio perso col Piacenza al San Paolo ha – secondo me -ben altri responsabili (naturalmente in linea teorica). La preparazione a quella partita, anziché farla svolgere in una località fresca, Mazzone scelse Cagliari dove le temperature erano molto vicine ai quaranta gradi. Il Piacenza, di contro, si comportò in modo completamente differente: lavoro in una zona freschissima del nord. A Napoli, di conseguenza, si affrontarono giocatori debilitati dal caldo ( i rossoblu) e rigenerati dal fresco ( i piacentini). Il risultato inutile ricordarlo. Ho ben impresso nella memoria, invece, la disperazione di Tovalieri a fine partita: si è inginocchiato sul prato ed ha pianto a lungo. Al Napoli, l’anno dopo,arrivò Mutti, mentre Mazzone ( la cosa già si sapeva) lasciò Cagliari per altri lidi.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...