2-2 sinonimo di beffa: stavolta ride l’Italia e piange la Danimarca

Alla fine è stato bello, no? Osvaldo, uno dei pochi protagonisti azzurri nel 2-2 ottenuto all’ultimo minuto contro la Danimarca, svela un piccolo segreto. Quel famoso biscotto tra danesi e svedesi che eliminò l’Italia di Trapattoni dagli Europei di nove anni fa, non era stato ancora digerito dai nostri. E questo nuovo 2-2 che di fatto estromette all’ultimo minuto la squadra di Olsen dai prossimi mondiali è una vendetta nient’affatto nascosta. Detto che oltre a Osvaldo (autore di uno splendido gol in proprio e per trequarti del definitivo e fortuito pareggio ottenuto col ginocchio di Aquilani) stavolta ha fatto una buona figura anche Thiago Motta, schierato finalmente nel suo vero ruolo davanti alla difesa, la nazionale rabberciata schierata da Prandelli ha purtroppo confermato di essere succube dello strapotere dei grandi club che impongono i presenti ma soprattutto gli assenti nelle scelte del Ct. Discorso vecchio. La Danimarca oltre a piangere lacrime amare ha messo in mostra un grande Bendtner, autore di una doppietta. Non saprà giocare a calcio, sarà legnoso, lento e tutto quello che volete. Ma non sta scritto da nessuna parte che i centravanti debbano toccare di fino e avere la visione periferica del gioco. Basta che la sbattano dentro. E se nessuno alla Juve dava al danese una palla per colpire di testa che poteva farci lui?

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...