Moratti: 1,5 miliardi di euro spesi per il giocattolo di famiglia. Ha un senso?

Ventitre dei trentanove trofei messi in bacheca dall’Inter (Ambrosiana Inter nel ventennio fascista) nella sua storia sono stati ottenuti con la famiglia Moratti al vertice. Per questo motivo la cessione della società ai soci indonesiani che fanno capo al neo presidente Thohir (per ora hanno rilevato il 70 per cento del pacchetto azionario), rappresenta una svolta epocale. Non solo nella storia nerazzurra, ma anche in quella del calcio italiano visto che ,l’Inter è sempre stata una delle sue più nobili rappresentanti nonché l’unica mai retrocessa.  In questo periodo si è fatto un gran parlare dell’operato di Massimo Moratti che con 18 anni, 8 mesi e 20 giorni è stato il presidente più longevo del club nonché il più titolato. Per prima cosa bisogna dire che non è stato certo un compito facile il suo, visto che il padre Angelo aveva già ottenuto nei suoi tredici anni di reggenza (1955-68) tutti i trofei che una squadra di club può aspirare a vincere. Alla fine dei conti  Massimo è riuscito nell’impresa, e facendo un bilancio meramente numerico ha saputo fare anche meglio visti i 16 allori ottenuti. Come il padre ha avuto un avvio lento. Molti non ricordano che Angelo senior, il vero genio di famiglia, fondatore tra le altre della Saras a Sarroch, dopo aver rilevato la società da Masseroni aveva centrato il primo successo (lo scudetto) solo al nono anno di tentativi. Si può dire che la portata di quei successi continua ad avere una valenza maggiore di quelli raggiunti con il figlio, ma senza sottilizzare troppo, credo che la Milano nerazzurra, e non solo quella, non possa che essere rammaricata per questa cessione. Per quanto i 250 milioni investiti dal nuovo proprietario non siano bruscolini. Da tifoso che guarda solo ai risultati si tratta di una perdita incolmabile. Visto da lontano il regno di Massimo mi offre però lo spunto per una domanda. E’ umano e soprattutto razionale spendere 1,5 miliardi di euro per divertirsi con il giocattolo di famiglia? La demagogia è una brutta bestia, ma ha un senso destinare tutti quei soldi per un gioco?

Annunci

Un pensiero su &Idquo;Moratti: 1,5 miliardi di euro spesi per il giocattolo di famiglia. Ha un senso?

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...