Ariaudo al Sassuolo: ma non partiva perché aveva sparato alto sull’ingaggio?

Quando obiettai sulla scelta del Cagliari di rinunciare ad Ariaudo dopo averlo svezzato e fatto diventare un giocatore di sicuro affidamento e destinato a percorrere una strada simile a quella di Astori (ingresso nel giro della nazionale per intenderci), qualcuno vicino alla società mi rispose che si trattava di una logica conseguenza del fatto che per il rinnovo del contratto il difensore di scuola juventina avesse sparato alto. Oggi Ariaudo ha salutato compagni tecnico e dirigenti ed è partito per la sua nuova destinazione: Sassuolo. Sarà pur vero che il patron di quella società, il presidente di Confindustria Giorgio Squinzi, titolare della Mapei, è sicuramente uno degli industriali più in auge del momento. E finora non ha mai negato di voler acquistare il Milan, suo grande amore calcistico, da Berlusconi. Ma fino a prova contraria non risulta che il Sassuolo faccia firmare ai suoi tesserati contratti da favola, per cui la teoria di cui sopra riferita al Cagliari va a farsi benedire. Non resta quindi che prendere atto dell’ennesima operazione strana condotta negli ultimi tempi dalla società di viale La Playa che ora salvo nuovi arrivi nel settore dovrà puntare sul giovanissimo Del Fabro, inesperto come lo era Ariaudo quando arrivò in Sardegna (ed infatti al primo anno giocò poco). C’è qualcosa che mi sfugge in tutti questi comportamenti, ma evidentemente sono io in difetto.

Annunci

2 Pensieri su &Idquo;Ariaudo al Sassuolo: ma non partiva perché aveva sparato alto sull’ingaggio?

  1. Bisognerebbe conoscere le cifre per potersi esprimere meglio, personalmente avrei rinnovato il contratto ad Ariaudo per due semplici ragioni, la prima é che in questo modo si svaluta la cessione di Matri (fu inserita nell’affare la sua metà per circa 2,5 K€ se non erro) poiché immagino che vista la scadenza a giugno il Cagliari non abbia potuto monetizzare al meglio questa operazione.
    La seconda é che era un giocatore ben inserito nello spogliatoio oltre che una persona per bene è che come centrale di riserva andava benissimo.
    Rimanendo però all’aspetto tecnico devo dire che non condivido il tuo giudizio così positivo: in questi 4 anni ha avuto diverse occasioni nelle quali ha lasciato spesso a desiderare, in particolare l’anno scorso quando avrebbe potuto soffiare il posto ad un Rossettini in difficoltà ma senza riuscirci: sicuramente migliorerà (ha 24 anni per cui d’ora in poi potrà dare il meglio e qui ti do ragione) ma ipotizzare un parallelo con astori lo vedo improbabilissimo..

  2. La svolta per Ariaudo al Sassuolo, e non al Torino come pareva, è stato Squinzi. La debolezza umana non ha confini: la Confindustria rappresenta ben più del nome di una Società. In ogni caso, speriamo che Ariaudo abbia successo con un bravo allenatore come Di Francesco.E ora sotto con Agazzi, in attesa di conoscere la detinazione di Nainggolan. Mi sembra improbabile, invece, che vada via anche Astori.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...