Quando un rigorino ti cambia la vita: bravo Cagliari!

Un rigorino procurato con astuzia da Sau e trasformato un po’ alla “spera in Dio” da Pinilla regala al Cagliari la vittoria più importante della stagione. Poco importa se di fronte c’era la Fiorentina più leziosa e involuta dell’anno, i rossoblù hanno centrato un obiettivo importantissimo in una situazione non facile, senza tre titolari (Ibarbo-Cossu-Pisano) e in un momento delicatissimo con le tre sconfitte consecutive e le polemiche del mercato che pesavano come macigni. Un altro eventuale passo falso avrebbe potuto aprire una crisi dalle proporzioni preoccupanti, ma tutto è bene quel che finisce bene. Tanto più che Avramov è stato praticamente uno spettatore non pagante al cospetto degli ex compagni viola, non essendo mai stato impegnato fra i pali e in uscita. Merito della felice disposizione tattica della squadra di Lopez che ha chiuso tutti i rifornimenti agli avanti toscani, in particolare all’unica punta Matri che ha rimediato una ben magra figura davanti ai vecchi tifosi. Non tanto o non solo per demeriti propri, quanto per la precarietà dei servizi ricevuti, segnatamente da Ilicic. Sia quando l’ex palermitano ha giocato da seconda punta che nel finale da rifinitore. Non più incisivi si sono rivelati lo spento Vargas a sinistra e il subentrato Joaquin. Ai viola troppo compassati è mancato sicuramente l’apporto della freccia Cuadrado, infortunato; l’unico capace di un cambio di ritmo, e lo stesso Borja Valero, subentrato nella ripresa, non era al meglio (per tacere dei 40 milioni in infermeria che portano i nomi di Pepito Rossi e Gomez). Il Cagliari sornione non si è scomposto più di tanto alla ricerca del vantaggio. Ben sapeva  la squadra rossoblù che se lo avesse ottenuto ben difficilmente si sarebbe fatta riprendere. E così è stato. Ora, a quota 24, si respira un’aria decisamente più salubre. Senza contare che l’aver sottratto quattro punti su sei ai tanto reclamizzati viola è un altro merito che non può non essere sottolineato. Beneauguranti i debutti nel finale di Vecino e Adryan. E se pensiamo che oggi abbiamo vinto con Perico e Cabrera titolari possiamo davvero suonare le campane.

Annunci

Un pensiero su &Idquo;Quando un rigorino ti cambia la vita: bravo Cagliari!

  1. La mentalità da piccola, pratica e concreta, ha finalmente portato la vittoria. Tatticamente è la miglior partita di Lopez allenatore.
    Il Cagliari risorge dopo 3 sconfitte consecutive.
    Il Leeds ha vinto 5-1 dopo quattro k.o. di fila.
    Il Leader Massimo sarà al settimo cielo!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...