Lazaros, alzati e cammina! E anche il Bologna si risollevò

Il tifoso le pensa tutte e certe volte pur di ottenere il risultato sperato per la propria squadra arriva a mettersi nei panni degli avversari. Un modo per vedere da un’altra angolatura se la situazione è definitivamente compromessa, ovvero se sussistono margini di speranza per l’ottenimento di una vittoria o per il raggiungimento di un pareggio. Mi capitò di non sapere più a che santo votarmi quando il Cagliari stava perdendo 0-2 col Sassuolo. Così a un certo punto osservai la partita con gli occhi degli emiliani e capii immediatamente che continuando a fare resistenza passiva non avrebbero potuto sperare di farla franca. E i rossoblù infatti pareggiarono. Col Genoa successe una cosa analoga e arrivò il successo. Stavolta ho fatto lo stesso giochetto seguendo il Bologna. Vedevo che gli emiliani si affannavano, cercavano di spingere per frenare la contestazione dei tifosi e sistemare  in qualche modo la traballante classifica. E più li guardavo e più mi dicevo: ma questi dove vogliono andare? Avanzavano inguardabili, con Ballardini che teneva imperterrito il doppio centravanti Bianchi-Acquafresca. Dico il doppio centravanti e non i due centravanti, perché pestandosi i calli l’uno con l’altro finivano sempre nello stesso punto, facendo così il gioco del Cagliari. Vedevo Lazaros (preferisco abbreviare il nome) che si dannava ma era di una pochezza deprimente. Sempre quella doppia inutile finta sul dribbling che finiva per fargli perdere forza nel calciare il pallone verso i compagni (quando ormai erano marcati). Immaginavo che da un momento all’altro i miei rossoblù  piazzassero il colpo con Ibarbo o con Vecino. Speravo meno in Sau che in trasferta viene servito sempre con “meloni” piuttosto che con passaggi. Ma insomma, vedendola con gli occhi di un bolognese mi dicevo: ma quando mai potrà segnare una squadra così, giusto su autorete o su rigore. Ecco appunto, il rigore. Siamo riusciti a perdere anche questa partita, abbiamo regalato sei punti su sei a questo inguardabile Bologna. Abbiamo solo cinque squadre dietro di noi. Ma è davvero così basso il nostro valore? Mah!

Annunci

3 Pensieri su &Idquo;Lazaros, alzati e cammina! E anche il Bologna si risollevò

  1. Lazaros alzati e cammina? beh meglio di Nanni nessuno poteva trovare miglior (scusate se ripeto) appellativo per la gara di oggi..E parlando di miracoli insisto che noi del Cagliari siamo sulla terra ( leggasi serie A ) per miracolare tutte le squadre in difficoltà. E adesso il Verona. Dopo la scoppola di Genova non vorremmo lasciarlo certo con l’amaro in bocca proprio noi….No, come al solito ci commuoveremo e cercheremo di aiutarlo a venire fuori da un brutto periodo. Questa è la nostra vera missione! Ciao a tutti.
    , ……

  2. Siamo a un passo dal baratro, ma anche forse, dal liberarci di Cellino. Voglio proprio vedere quanti di quelli portati in pellegrinaggio sotto la sua cella, lo difenderanno ancora dopo il disastro. Ma già……è vero….c’è sempre la scusa dello stadio……

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...