Farias si scopre goleador e il Napoli mastica amaro

Ci sono partite che ti riconciliano con la tua passione per il calcio e per un tifoso del Cagliari l’odierno 3-3 di Napoli è una di queste. Poche volte i rossoblù sono partiti col pronostico chiuso come stavolta e invece dopo un inizio troppo sonnacchioso hanno sciorinato gol e spettacolo come nelle migliori giornate. Tra l’altro è ora di parlare dell’assioma di Zeman, quello per cui il numero degli attaccanti schierato poco ha a che vedere con il numero dei gol realizzati. Senza l’infortunato Sau, unica punta di ruolo insieme alla riserva Longo rimasta in panchina, il Cagliari ha messo a segno tre reti facendo piangere il Napoli che si è dovuto accontentare di un punticino quando pensava di poterne prendere tre prima ancora di giocare. E’ stata la giornata di Ibarbo (un gol e un assist) che pure aveva iniziato la gara in maniera piuttosto confusa. Ma è stata soprattutto la giornata di Farias, capace di mettere a segno in undici minuti il doppio delle reti realizzate in tutta la sua vita in serie A!   Alla vigilia qualche amico mi aveva dato del matto perché avevo avuto il coraggio di scrivere che senza Insigne e Mertens il Napoli faceva meno paura. Basta vedere la classifica marcatori per capire che in quella squadra la differenza la fanno Higuain e Callejon era stata l’osservazione più benevola che avevo ricevuto. Ma senza qualcuno che innescasse quei due sarebbe stato tutto più difficile. Considerata anche la posizione troppo arretrata di Hamsik, uno spreco assoluto dal momento che stiamo parlando di un giocatore che ha nelle gambe la media di una quindicina di reti a stagione. Tutto è bene quel che finisce bene (per il Cagliari si intende), anche se continuo a notare una scarsa forza di gambe del nostro portiere ogniqualvolta arriva un tiro angolato. Ma non mi sembra davvero il caso di sottilizzare.

Annunci

3 Pensieri su &Idquo;Farias si scopre goleador e il Napoli mastica amaro

  1. Identica sensazione avuta ieri nel vedere il Cagliari al San Paolo. Il secondo tempo è stato di un intensità tale che pensavo le due squadre crollassero prima. Con una maggiore attenzione dietro si poteva forse anche vincere ( ma il Cagliari quest’anno gioca spregiudicato avanti e pure …..dietro). Complice forse il buon mirto, ho assistito ad una gara che da tempo non ricordavo così divertente. Ora però bisogna vincere perchè un punto a partita è purtroppo troppo poco per sperare in una tranquilla salvezza.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...