Il quesito del Tardini: perché assegnare un punto per uno anche quando non si gioca?

Dopo Parma-Cagliari in Lega calcio hanno deciso di mettere un asterisco nel regolamento laddove si parla dell’assegnazione dei punti per la classifica. Finora c’era scritto: tre vanno alla squadra che vince, uno a quelle che pareggiano e zero a chi esce sconfitto dal campo. D’ora in poi l’assegnazione verrà fatta con una doverosa precisazione: “a patto che la partita venga giocata”. Le uniche cose salienti di questo “incontro” sono state l’interruzione della serie negativa del Parma che perdeva da quattro partite di seguito e la rete inviolata del Cagliari, evento verificatosi solo una volta quest’anno. Per il resto si sono visti diversi ex in campo da una parte e dell’altra. E non mi riferisco a chi, come Dossena, aveva militato in passato con la squadra avversaria.

Annunci

Un pensiero su &Idquo;Il quesito del Tardini: perché assegnare un punto per uno anche quando non si gioca?

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...