Forza Cagliari, ma anche se arrivasse l’Europa League sarebbe un anno perso

Storari viaggia verso i 40 anni , Bruno Alves sta per compierne 35, Borriello 34, Munari ne ha 33 e un ritmo da 38enne dei tornei amatoriali. Ci sarebbe anche Colombo che i 40 li ha oltrepassati da un pezzo, ma pare che a una certa età si azzeri il conto e si ricominci. Con questi numeri sembra persino giovane il 32enne portafortuna Padoin e addirittura bimbi i 28enni Ionita e Isla. Secondo me è la vendetta del diesse Capozucca, che è nato nel 1955 ma ha sembianze di uno del ’12 reduce dai due conflitti mondiali, dalla guerra d’Albania, da quelle  di Spagna e Algeria. Scherzo, non c’è cattiveria, casomai scherzo meno quando vedo che nella rosa dei nuovi acquisti non compare neanche un giovane messosi in luce nè in B nè in C, come pure logica imporrebbe per una società di provincia come il Cagliari, che i  giovani dovrebbe scoprirli e poi rivenderli bene dopo averli valorizzati (per sé, e non per gli altri come è successo con Barreca, Tello e lo stesso Cerri che dei tre è quello meno pronto). E’ tornato Barella, d’accordo, ma tutti gli elogi spesi nei suoi confronti mi puzzano di falsità. Almeno finché non lo vedrò titolare e continuerò a sentire stranezze come quella pronunciata da Rastelli dopo il ritiro (“Munari è la vera sorpresa”).  Dimenticavo Pajac, che è giovane ma che da seconda punta rievoca l’astrattismo del miglior Kandinskij per la serie: di Pajac per fare un giocatore vero  ce ne vorrebbero almeno tre pajac. E poi c’è Krajnc, il pupillo di Capozucca, ma vi ricordate cosa è stato in grado di fare Krajnc l’anno scorso? Contro di lui hanno segnato praticamente tutti gli attaccanti. Ed eravamo in B! Parlo a bocce ferme perché poi sarebbe troppo facile: questo Cagliari non mi piace nella sua filosofia, come è stato costruito. Giulini ha comprato sentendo i procuratori e ignorando gli esperti dello scouting (dei quali se continua così non conosceremo mai le reali capacità). Attenzione, non sto dicendo che la squadra sia scarsa, tutt’altro. Ma per come vedo il calcio, anche se si dovesse raggiungere in piazzamento per l’Europa League sarebbe una stagione persa, senza  basi per il futuro. L’anno venturo in sostanza bisognerà ricominciare daccapo e nel frattempo buona parte dei pur corposi introiti dei diritti televisivi saranno andati persi in ingaggi decisamente impegnativi per una provinciale. Ma ora si comincia: forza Cagliari!

Annunci

11 Pensieri su &Idquo;Forza Cagliari, ma anche se arrivasse l’Europa League sarebbe un anno perso

  1. Buongiorno, non concordo appieno, molti giovani su cui puntare li avevamo già dall’anno scorso o in prestito come cragno, colombatto e deiola, ma anche capello e arras nella speranza che pajac e kranic, anch’essi molto giovani, migliorino e meritino la serie A.
    Aggiungo una piccola correzione, Ionita ha appena compiuto 26 anni, non 28.
    Saluti

  2. Io più che parlare di possibile stagione persa pur andando in Europa , direi che di perso c’è solo il tempo che ho passato a leggere tutta quella marea di …………. che ha scritto lei Sig. Boi .
    Forza Cagliari lo può dire solo chi tifa e sostiene veramente il Cagliari e non altri .

    • Io tifo Cagliari caro il mio signor Rinaldo Simbula che si firma chissà perchè Rino Viola (tifoso romanista di vecchia data? Quello in realtà era Dino). Mi spiace che abbia perso tempo a leggere questa marea di…. Che vuole che le dica, me ne farò una ragione. Del resto pur pensando che il suo negozio faccia….. non ho mai preteso che lo chiudesse.

  3. Devo dire che questo post mi sorprende non poco soprattutto perché so quanto lei ne capisce di calcio e ho quasi il timore possa avere ragione. Ciò nonostante ho l’impressione abbia tralasciato due aspetti importanti della nuova politica societaria nell’ambito della valorizzazione dei giovani e cioè quelli riguardante la primavera e l’organizzazione di tutto il settore giovanile e la stretta collaborazione con l’Olbia Calcio.
    Nel primo caso già lo scorso anno abbiamo potuto apprezzare dei giovani molto interessanti alcuni dei quali quest’anno sono stati “piazzati” in prestito in alcune società professionistiche di B (Colombatto al Pisa) e Lega Pro (vedi soprattutto l’Olbia).
    A proposito della collaborazione con l’Olbia l’intento poco celato pare quello di creare una sorta di Cagliari B proprio per permettere ai giovani talenti di prendere confidenza con il professionismo.
    Ovviamente altra cosa sarebbe far crescere alcuni di questi giovani sotto l’ala protettiva dei giocatori con maggiore esperienza però concordo con l’osservazione di Alessandro che ha evidenziato che già lo scorso anno diversi giovani promettenti sono stati acquistati e valorizzati e quest’anno potranno continuare il loro percorso verso una prossima consacrazione (Deiola e Barella su tutti).

  4. Ah ah ah Nanni non cambi mai, sesi sempri criticoni, l’unica cosa che condivido del tuo articolo é il Forza Cagliari finale, comunque piacere di rileggerti!

  5. Caro Nanni, la politica giuliniana è stata dal primo giorno improntata sulle mosse ad effetto (da Zeman in poi), sul marketing (peraltro necessario e pure doveroso se porta soldi e consenso) e su una complessiva azione autocelebrativa e promozionale. In perfetto stile morattiano radical-chic e in totale contrapposizione rispetto al predecessore, il “gaggio”, rozzo, sgraziato e, quindi, inviso a “quelli che contano” Cellino.
    Non riesco a giudicare Giulini. Ci sono cose che mi piacciono, altre un pò meno. Nel calcio contano i risultati. Per ora il giovane milanese è in parità: una retrocessione disastrosa ed una promozione (quasi) trionfale.
    Quanto a quest’anno, io penso che la politica di acquisto di giocatori anziani sia dovuta alla paura, al terrore che il presidente ha ancora addosso per la retrocessione di due anni fa. E’ comprensibile, anche se una via di mezzo sarebbe stata l’ideale. Su Rastelli ho molti dubbi che sia all’altezza della serie A. Non vorrei che, la scelta più importante di tutte, quella sul tecnico, sia stata sbagliata. In questo caso, si parte già molto male. Saluti

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...