Al fifa e Arena passa anche il Genoa

Inutile girarci intorno: sei sconfitte in otto partite sono un ottimo motivo per cambiare l’allenatore. Anche se è lo stesso con cui sei andato in serie A e lo stesso con cui hai ottenuto l’undicesimo posto al primo anno fra i grandi. Eppure, a bocce ferme e senza conoscere il pensiero del presidente Giulini, non sono certo che questo avvenga stasera. Anzi, non sono per nulla certo che questo avvenga punto. Perché il presidente del Cagliari è un tipo particolare, uno che difficilmente apre i cordoni della borsa per spese non previste. E per lui, affiancato da Zola in tribuna, un nuovo allenatore (con ambaradan di aiutanti al seguito) è quest’anno una spesa non prevista. O meglio sarebbe. Perché nel calcio come nella vita non si sa mai. Ma ponendo il caso che il patron rossoblù si decidesse in tal senso, opterebbe per un usato sicuro come i Guidolin e i Reja (sicuro fino a un certo punto perché entrambi sono fermi da un bel po’), su altri navigati come Iachini, Ballardini, Colantuono e Mandorlini, oppure seguirebbe i consigli per gli acquisti di Moggi, ovvero i soliti  Oddo e De Zerbi? E’ un quesito nel quesito indubbiamente. In attesa di conoscere la risposta ci sarebbe da analizzare il quarto ko consecutivo e il terzo ko casalingo, sempre consecutivo. A ben vedere lo stadio provvisorio si è rivelato davvero un fortino inespugnabile. Per il Cagliari! Così dopo aver fatto beneficienza con il Sassuolo, anche il Genoa per ottenere l’unica vittoria del suo torneo è dovuto venire al Sardegna Arena, che parafrasando un noto film di Totò da oggi chiameremo Fifa e Arena (la federazione internazionale del pallone non c’entra nulla). La squadra del risorto Juric è passata in vantaggio con Galabinov, raro esempio di come un attaccante a segno, meriti l’insufficienza per le altre tre reti divorate. E ha avuto nel franco marocchino Taarabt il suo eroe. Uno che a giudicarlo dalla partita  odierna (un gol e almeno quattro assist favolosi, di cui solo uno sfruttato) potrebbe essere accostato ai grandissimi di ogni tempo, se non fosse che è stato quasi sempre riserva ovunque abbia giocato (Francia, Inghilterra, Portogallo e Italia nella mezza stagione col Milan) con l’eccezione del Qpr, ma nella categoria inferiore. Rastelli alle stranezze ci ha abituato da sempre, inutile negarlo, ma stavolta è riuscito a sorprenderci con la scelta di schierare Van der Wiel, assente a lungo per infortunio, senza avergli mai fatto giocare neanche un’amichevole. Il risultato è stato ovviamente disastroso, col Genoa che nel primo tempo affondava sulla zona di competenza dell’olandese come e quando voleva, al punto da poter coniare per l’estemporaneo recuperato l’appellativo di “olandese vacante”. Forte del 2-0 all’intervallo la squadra ligure ha potuto assorbire senza troppi problemi il ritorno al gol dell’ex Pavoletti, a segno dopo 787 minuti di un digiuno interrotto a 10 giorni dallo spegnimento della prima candelina. Anche perché nonostante i tanti errori di Galabinov sotto porta (su uno di questi Cragno si è infortunato ed ha lasciato il posto a Rafael), ha triplicato con Rigoni. Il rigore trasformato da Joao Pedro quando mancava un quarto d’ora scarso alla fine, ha lasciato presagire che ci fosse il tempo almeno per un pareggio. Ma così non è stato.

Nanni Boi

Ps: Pagelle in rima e senza voto (vogliono essere scherzose, ma se qualcuno pensa di poter rimanere turbato dalla lettura, la visione è consigliata al pubblico adulto solo se accompagnato da un bambino):

Cragno: l’infortunio non è un guadagno.

Van der Wiel: sembra uscito dal catalogo Playmobil.

Romagna: Galabinov se lo magna.

Pisacane: un pomeriggio infame

Padoin: meglio se guardava Domenica In.

Ionita: la pazienza è finita.

Cigarini: sembra che giochi sugli scalini.

Barella: non basta l’incitamento della sorella.

Farias: forse era in vacanza a Domusdemarias.

Pavoletti: sono un ex, faccio i dispetti.

Joao Pedro: fa più legna di un cedro.

Faragò: se lo metti arriva il go’.

Rafael: se la dormiva nell’hotel.

Sau: a Ionita das bogau.

Rastelli: da oggi sei promosso ai fornelli.

 

Annunci

4 Pensieri su &Idquo;Al fifa e Arena passa anche il Genoa

  1. Spero, non credo, di sbagliarmi ma ho l’impressione che abbia la squadra contro, non è un mistero che alcuni senatori non lo adorino.
    Ritmo zero, schemi pure, solo retropassaggi e nessuno che si muova senza palla o che tenti di smarcarsi; gli unici che stanno profondendo impegno sono Barella, Pavoletti, Padoin e Cragno anche se con modesti risultati come nel caso di Padoin.
    Mi sento di assolvere Pavoletti, che dovrebbe sì migliorare in alcuni fondamentali (anche ieri alcuni stop inguardabili in A) ma temo che in questo Cagliari non farebbe meglio manco Lewandosky.
    Quanto all’olandese posso capire chi sostiene che sia stato schierato per mandare un messaggio alla società, a memoria non ricordo un esordio peggiore (Bittante in confronto sembra Florenzi).
    Un pò come Zeman che schierò 6 difensori contro la Juve in aperta polemica: spero che le analogie finiscano qua.

    • Come già ho scritto, la squadra è più debole in tutti i ruoli (tranne che in porta) di quella che ha finito il campionato scorso. In queste condizioni l’unica speranza di salvezza è cambiare il manico, soprattutto dopo aver visto la squadra scendere in campo in 10 (più una maglia n°2 vuota) e aver notato che per buona parte del primo tempo il gioco lo impostava un ragazzo alla seconda da titolare in serie A, che dovrebbe agire da difensore centrale. Boh

    • ritmi bassi e retropassaggi, in attesa di fiammate e cercando di non scoprirsi… quando arrivano i risultati la maggioranza dei tifosi dice che va bene così (tanto poi a casa si vedono la Liga in televisione).
      Il mestiere di Pavoletti è appunto scaraventarsi su palle tese dentro l’area e bruciare i difensori… si era detto che non gli si doveva chiedere controllo di palla e manovra.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...